A MARCO LUCARELLI per il suo SECONDO MEMORIAL

Venerdì, 21 giugno, sotto uno splendido cielo stellato e su una terrazza che sembrava uno scrigno accogliente, pronta ad ospitare un numerosissimo pubblico si è svolto il secondo memorial dedicato a Marco Lucarelli.
I suoi amici di sempre si sono mobilitati e hanno messo su una serata degna di essere ricordata per sempre.
Marco Lagonigro, Adriana Lorenzi, Layla Jallow, Virtu’ Project Manouche, Extra Dry, Kali Roots, Capo, Storm, Dj Trew, Bayeshan e Daze hanno intrattenuto il pubblico con i loro pezzi migliori e la cosa più sorprendente è stata vedere i tanti ragazzi accorsi ad onorare la memoria di Marco che non hanno potuto fare a meno di alzarsi e inventarsi le danze al ritmo della musica sotto il palco, segno questo che la partecipazione è stata massima.Infatti non sono voluti restare seduti ad ascoltare ma anche loro, a loro modo, con il linguaggio del corpo, hanno reso omaggio al loro amico Marco.
Anche quest’anno sono stata invitata, in qualità di presidente dell’associazione “la stanza del figlio” a dare il mio saluto ai presenti e soprattutto ai genitori.
“Ho potuto notare dalla locandina l’importanza che questi ragazzi hanno dato all’associazione “la stanza del figlio” mettendolo in primo piano e a caratteri cubitali, e mi hanno pregato di spiegare in parole semplici per chi ancora non lo sapesse cosa significa e quale compito porta avanti.
“La stanza del figlio” è anche un luogo fisico, infatti si trova a Pescara, in via Milano 75, che da anni accoglie i genitori che hanno perso un figlio e per i quali metto a disposizione la mia professionalità di psicoterapeuta ma soprattutto di persona che ha avuto tante esperienze e dalle quali ha saputo trarre molti insegnamenti.
Ed è proprio dentro quella stanza che gruppi di genitori si riuniscono ogni sabato pomeriggio per scambiarsi le loro storie che hanno sempre un fattore in comune, la perdita di un figlio e con il mio aiuto cominciano ad elaborare il loro dolore fino a farlo diventare più leggero e gestibile.
Ma la cosa che mi preme sottolineare e a cui tengo moltissimo è dire che “La stanza del figlio” non è solo quella stanza, la stanza del figlio è dentro ognuno di questi genitori che hanno subito la perdita. E’ questo il lavoro che fa “La stanza del figlio”, diciamo un lavoro di trasloco da fuori di loro, come puo essere la sede in cui fisicamente si riuniscono a dentro di loro. Insomma “La stanza del figlio” li aiuta a ricavare uno spazio dentro di loro,uno spazio privato sacro e inviolabile ben protetto dove poter di nuovo accogliere il figlio che hanno perso, una culla mentale al riparo da tutto e da tutti dove solo loro possono accedere e soprattutto con la certezza che dovunque vadano lui è sempre lì con loro.
Tutte le volte che il sabato apro quella porta e vedo i tanti genitori che già sono entrati e chiacchierano allegramente tra di loro penso:…noi che abitiamo sotto questo cielo e che perciò siamo tutti uguali non siamo stati chiamati per fare grandi cose, ma piccole cose con grande amore. “La stanza del figlio” è una piccola cosa ma fatta con grande amore elargito a piene mani a chiunque varchi quella soglia e nella più assoluta gratuità. Grazie.
Ed ora permettetemi di rivolgere un pensiero ad Annalisa e Domenico, questi genitori coraggiosi che oggi per amore di Marco hanno scalato le montagne e attraversato gli oceani per arrivare qui, tanto è grande il loro tumulto interiore.
Ieri ho fatto un sogno. Ero con voi, nella vostra casa, mentre voi eravate seduti serenamente intorno a quel tavolo dove tante volte vi riunite per chiacchierare o giocare a carte.In casa regnava un’atmosfera di grande serenità mentre entrambi ammiravate il disegno del puzzle che finalmente avevate ultimato. Non so bene cosa vi fosse rappresentato ma voi ne eravate molto soddisfatti. Ad un certo punto entra Marco,tranquillo e sorridente,ma con quell’aria un pò sorniona, di chi la sa lunga, che voi conoscete bene. Si ferma ai bordi del tavolo, restando in piedi e mentre vi fa un gran sorriso con un ampio gesto del braccio rovecia dì un colpo il puzzle sul pavimento. Il disegno si frantuma in mille pezzi.Voi lo guardate sgomenti ma lui vi sorride soddisfatto e scompare. Voi pazientemente raccogliete tutti i pezzi e in un attimo perchè già conoscevate il disegno, lo ricomponete, almeno tentate di farlo perchè vi accorgete che manca un pezzo,proprio quello che difficilmente si può sostituire, infatti occupava un posto centrale. E mentre guardate sgomenti il disegno incompleto in un attimo vi rendete conto che Marco era venuto proprio per portarlo via con sè.
Cara Annalisa e Domenico, Marco ancora una volta vi è venuto in aiuto, vi ha voluto dire che è arrivato il momento di ricostruire il vostro puzzle daccapo.La vostra mappa di vita, i vostri disegni e i vostri progetti devono essere ridisegnati, prenderanno altri colori ed altre forme ma state pur certi che niente è andato perduto.Se manca un pezzo quello non è andato perso, è ben custodito nelle sue mani, diciamo che ha dovuto fare un’azione di forza proprio perchè altrimenti voi non vi decidevate mai a ripartire, e questo perchè vi ama.Grazie! Luciana orsatti

2 Risposte to “A MARCO LUCARELLI per il suo SECONDO MEMORIAL”

  1. mida scrive:

    allora …tieniti libera per il 29 novembre….che ti voglio a Villafranca di Verona- 3 th GLORY DAY

    perchè nei memorial c’è un’energia di VITA che bisogna solo esserci e respirarla

    m.i.d.a.

    • luciana orsatti scrive:

      Mia dolcissima Mida, grazie per l’invito! E’ tutto vero quello che dici, bisogna respirarla quell’aria che sembra possedere un’alchimia che non si può ripetere altrove. Il fatto è che stai troppo lontano…ma tu hai un fratellone supertecnologico che sicuramente troverà un modo per far giungere la mia voce. Non ho conosciuto Gloria ma è come se l’avessi fatto perché tu me l’hai permesso, invitandomi ad entrare nei luoghi più blindati della tua anima e permettendomi di soffiarci dentro per rianimare quell’essenza di te che in quei momenti rischiava di soccombere. Grazie tvb, Luciana

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Associazione di volontariato "La Stanza del Figlio" - Via Milano 75, 65122 PESCARA - Tel. 3474715301 - Fax 085/2407038 - C.F.: 91076200681 - Email: la_stanza_del_figlio@yahoo.com - Privacy