Quando la morte fa il blitz

Eh sì, anche la morte si aggiorna, vuole essere sempre al passo con i tempi.Che non si dica di lei che è rimasta “all’antica”. Non lo sopporterebbe, quello che fa deve essere sempre perfetto e non accetta critiche. Una volta la morte veniva pensata come una brutta figura, con quella falce adunca che brandisce minacciosa, che si mette in cammino a mietere vite:del resto quello è il suo lavoro. Invece, tutto sbagliato, lei si confonde tra di noi, è capace di adattarsi ad ogni situazione e se la ride perchè noi che ci crediamo furbi non la riconosciamo.A volta veste gli abiti dell’amante, che piano piano con la sua dolcezza, con le sue doti di persuasione che sa sfoderare bene decide, con il suo falso incedere in punta di piedi “per non disturbare”, di conquistare il cuore di chi si sente solo, troppo solo, con quel dolore dell’anima che è insopportabile tanto è straziante e si isola, si apparta, non esce più tanto dalla sua camera. Lei allora coglie l’attimo e lo abbracccia, lo lusinga, lo consola e soprattutto lo convince che è facile liberarsi di tutto quel dolore, lei sa come fare, basta seguirla. E così quel giorno lei lo va a prendere e gli indica una finestra, o gli fa leggere l’orario di un treno in arrivo,” è facile” gli sussurra, “ci sono io accanto a te, non devi aver paura.”Oppure la vediamo aggirarsi tra i corridoi di un ospedale, vicino ai reparti che somigliano più ai gironi infernali, vestita come una signora qualsiasi, modesta, silenziosa e la vediamo prendere posto in un angolo della stanza. Lei sa aspettare,e alla mamma che la riconosce e che vorrebbe cacciarla è capace anche di dire senza parlare che non deve temere, perchè lei comprende e sa e le promette che non lo porterà via quando lei non c’è.Casa deve fare di più per essere comprensiva?E’ subdola la morte, sottile nella sua perversione, sa sempre tutto, conosce anche la più sofisticata tecnologia dei cellulari e si diverte a volte a mettere alla prova la sua bravura facendolo squillare magari a ridosso di un incrocio pericoloso,per poi allontanarsi furtiva con il suo bottino.Ma la morte è anche invidiosa, tanto invidiosa.Sembra assurdo, proprio lei che è padrone della vita,che possa provare questo sentimento. Anzi esserne lacerata. Evidentemente le tenebre dentro le quali è costretta a”vivere” la stancano, le pesano e quando vede un sorriso radioso, di quelli che solo i giovani sanno sfoderare, di quelli che illuminano tutta la stanza e il plazzo intero allora lei non resiste e fa il blitz:lo coglie lì, in quel preciso momento,mentre magari sta in piedi a preparare un dolce per il ristorante che lo ha appena assunto e vorrebbe far bella figura.Lo coglie in piedi, con le mani impastate ancora di farina e con una frase che rimane a metà. Ha fatto il blitz la morte, non ha potuto resistere. E poi come si fa a resistere a quell’allegria contagiosa di un gruppo di giovani che stanno varcando la soglia di un locale per festeggiare una laurea! Non si può e anche qui lei lo coglie, come fosse un fiore, sull’uscio, non lo fa nemmeno entrare, e gode nel vedere quel posto vuoto a tavola che i camerieri cercano di occupare diversamente e in fretta.E la notte? Anche di notte la morte è invidiosa e non si risparmia, il blitz è bello anche di notte.Quella stanza buia ma affollata di sogni colorati, pieni di speranze e aspettative, quell’ultimo bacio scambiato con la ragazza prima di rientrare che gli ha disteso i lineamenti del viso da cui traspare la sua felicità anche se dorme. No, no non lo sopporta, lo coglie anche nel sonno, a sua insaputa, ma è perversa lei, non lo dimentichiamo e rimane nella stanza fino al mattino seguente per sentire il rumore dei cocci della tazza di caffè che cade dalle mani della mamma e si frantuma in mille pezzi sul pavimento.
Con l’affetto di sempre Luciana Orsatti della “Stanza del Figlio”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Associazione di volontariato "La Stanza del Figlio" - Via Milano 75, 65122 PESCARA - Tel. 3474715301 - Fax 085/2407038 - C.F.: 91076200681 - Email: la_stanza_del_figlio@yahoo.com - Privacy