Festa della mamma 2019 – Cuore bugiardo!

“Mi hai chiamato, mi hai invocato, mi hai supplicato ed io sono venuto al nostro appuntamento segreto come ogni anno, ma anche come ogni notte,anche quando il sonno della stanchezza ti rapisce d’improvviso e la mia immagine non fa in tempo a prendere posto nei tuoi ultimi pensieri.Eri tu,certo, stanotte mamma, quella che ho abbracciato, accarezzato,ricoperta di baci ma poggiando le mie labbra sul tuo cuore per farti assaporare meglio la bellezza del nostro incontro mi sono imbattuto in un cuore bugiardo.Mamma che fai? Il tuo cuore ha continuato a battere da quel giorno, dopo che per un attimo si era fermato ma non ha ripreso mai il ritmo leggero e quasi simile ad una musica di un tempo. E’ diventato un cuore bugliardo, un cuore che fa finta di funzionare così tutti sono contenti. No, mamma io stanotte sono venuto a svegliare il tuo cuore, a strapazzarlo come si fa con un organo che non ne vuol sapere di ripartire e alla fine ce l’ho fatta. Ma ti prego, mamma, quando ti svegli e te ne rendi conto non metterlo di nuovo a dormire perchè non lo riconosci più.Guardati allo specchio e non cancellare quella figura che quasi stenti a riconoscere il cui viso ha ripreso il suo colorito roseo che non assomiglia affatto a quello del fard che ti ostini a mettere per coprire il grigio e lo scialbo della tua pelle. Non farmi questo mamma, non voglio più vederti così, fantasma o marionetta che si adatta a recitare tutte le parti pur di apparire normale. Io rivoglio la mamma di prima, quella che mi ha custodito nel suo grenbo e mi ha nutrito col nettare degli dei.Vedi mamma,sono io oggi che ti dico “mi manchi”, che ti dico “non ti riconosco”, perchè sono sempre io, tuo figlio, che ti rivuole con un cuore vero. Lo so, mamma, che per te non è facile, ma non permettere a quella citofonata nella notte, a quel letto d’ospedale,a quel semaforo impazzito, a quella finestra spalancata nel mondo,di spegnere il tuo cuore e gettare un’ombra sul nostro rapporto. Ti chiedo scusa mamma perchè in fondo è il dolore per la mia mancanza che ha costretto il tuo cuore a diventare bugiardo, ma vedi non è stata colpa mia, nè tantomeno tua. Perciò oggi mamma, che è un giorno speciale, accontentami, fai tu un regalo a me, io ho fatto la mia parte stanotte, ora tocca a te,ti prego, fai la tua!”
Io, tuo figlio!
Con affetto Luciana Orsatti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Associazione di volontariato "La Stanza del Figlio" - Via Milano 75, 65122 PESCARA - Tel. 3474715301 - Fax 085/2407038 - C.F.: 91076200681 - Email: la_stanza_del_figlio@yahoo.com - Privacy